Santandrea artistica        Godollo reale        Ansa del Danubio        Eger vinifera        Ungheria religiosa       Mare ungherese - Balaton        Puzta rustica        


Nora Juhasz mailto

PÉCS MEDITERRANEA - intera giornata (10 - 11 ore)

Vi invito a visitare Pécs: la città ricchissima di monumenti storici delle varie epoche che da secoli è una sede arcivescovile ed universitaria della parte Sud-Ovest dell'Ungheria. Nel capoluogo culturale della regione Baranya è dove fiorisce l'arte moderna e contemporanea, dove si trova la rinomata manifattura di porcellana di Zsolnay, è dove per il microclima mediterraneo si estende un' incantevole zona vinicola. La città Pécs, nel 2010 insieme alla città tedesca Essen, ed alla metropoli turca Istanbul portava il titolo " la Capitale europea della cultura ".


SEGUITECI ANCHE SU FACEBOOK!!
   

SCAPPATA AL BALATON - 2016



Lo stemma di Pécs

Nome della città:     PÉCS
Regione:    Baranya
Provincia:    Pécsi
Superficie:    162,6 km2
Popolazione:    156 974 abitanti (2009)
Distanza da Budapest:    200 km
Sito della città:    www.pecs.hu
Altre info sulla città:    PÉCS
Sito:    Pécs 2010: la Capitale europea della cultura

Regione Baranya in Ungheria

         


Alla fine del I secolo d.C. quando i romani estero i confini dell'Impero Romano fino al Danubio, al posto di un insediamento celtico nacque qui una città romana  ' Sopianae ' , il capoluogo della regione ' Valeria ', una delle regioni della Provincia Pannonia. La religione cristiana fu presente nella località dal IV secolo d.C. e le prime catacombe, cappelle sepolclari furono già costruite nello stesso secolo. Oggi tutto il sito archeologico si estende sotto la Cattedrale e la piazza di Santo Stefano, e gli scavi hanno riportato alla luce un meraviglioso Mausoleo dei primi cristiani, una chiesa paleocristiana e 16 diverse cappelle funerarie di cui molte sono decorate da affreschi o da pitture murali.
 Nel 2000 il Cimitero Paleocristiano di Pécs è diventato un Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

Sopianae nella Pannonia
Sopianae nella Pannonia
Cimitero e le cripte paleocristiane
Cimitero paleocristiano


Cimitero e i resti paleocristiani
Piazza di Santo Stefano
Sito: Pécs örökség








Il nome latino della località nel Medio Evo fu ' Quinque Ecclesiae ' , da cui deriva il nome italiano 'Cinquechiese' o anche quello tedesco ' Fünfkirchen', riferendosi probabilmente alle rovine delle cinque basiliche paleocristiane della città. La denominazione attuale risulta per la prima volta in un documento del 1290, probabilmente viene da una parola slava, ' Pécs ' - pronunciare: pe.ci - in italiano significa : forno. Il vescovato di Pécs fu fondato sotto il regno del grande Santo Stefano, e la cripta dell'attuale Cattedrale risale alla fine del XI secolo. Il grande umanista che studiava anche a Padova, Janus Pannonius, il poeta che scrisse le sue poesie in latino, fu il vescovo di Pécs nel XV secolo. La Basilica, dopo numerose ristrutturazioni nel XIX e XX secolo, oggi nella sua architettura riunisce lo stile romanico, gotico e talvolta il neoclassico. Gli interni sono riccamente decorati, affrescati da famosi pittori ungheresi: Károly Lotz e Bertalan Székely. L'organo della chiesa prodotto nell'officina Angster di Pécs, appartiene ai più grandi di Ungheria con le sue 6.100 canne.


Cattedrale di Pécs

Cattedrale di Pécs

Municipio di Pécs

Piazza Széchenyi

Centrocittà

Nel 1852 un pentolaio di Pécs, fondò una Manifattura di ceramica che nei primi tempi produceva tubi idraulici, piatti di pietra, ceramiche per edilizia con una tecnologia arretrata. Nel 1865 suo figlio Vilmos Zsolnay prese in mano la gestione della manifattura e da allora in poi iniziò la carriera brillante della fabbrica e dei straordinari prodotti di Zsolnay. Nelle esposizioni mondiali di Vienna (1873) e di Parigi (1878) Vilmos Zsolnay fu già premiato dalla giuria, e i suoi prodotti portarono una fama mondiale al proprietario ed alla sua fabbrica. Da allora in poi sono esportati in tutto il mondo, dall'Inghilterra al Giapone, le varie e colorate ceramiche di decorazioni, le maioliche decorative e piastrelle, tegole per edilizia, i servizi completi e figure di porcellana.


Statua di Vilmos Zsolnay
La statua di Zsolnay Vilmos
Teatro Nazionale di Pécs
Teatro Nazionale con decorazioni di maiolica
Fontana di Zsolnay
Fontana di Zsolnay
Logo della Manifattura

Manifattura di Zsolnay
Sito: Zsolnay gyár

Museo di Zsolnay
Sito: Zsolnay múzeum





porcellana a smalto di eosina







Creazione di Kati Zoob


Pécs, è la più ricca città ungherese dei monumenti e resti turchi, che furono costruiti durante i circa 150 anni di occupazione musulmana tra il XVI e XVII secolo. La città cadde definitivamente in mano turco nel 1543 e fu liberata solo nel 1686. Durante il periodo musulmano Pécs fu trasformata completamente in una vera località orientale: le chiese cristiane furono trasformate in moschee con minareti, costruirono terme per i bagni rituali, turbi cioè le tombe per le persone sacre o importanti, monastero per i dervisci ( sull'attuale ' Tettye ' ), nel epoca turca funzionarono alcune scuole di Corano per i giovani ragazzi. Il conosciuto viaggiatore turco Evlija Celebi (XVII sec.) descriveva su di Pécs, che era un posto dove prosperava il commercio ed assomigliava molto ad Istanbul.


Moschea di pascià Gasi Kassim

Moschea di Jakovali Hassan

Turbe di Idris baba

Le terme di pascià Memi

Barbakan del XV sec.





ALTRI   MUSEI  DA   VISITARE


Autoritratto di Csontváry Museo di Csontváry Kosztka Tivadar
Pécs, Via Janus Pannonius 11.
Sito: Csontváry Múzeum
Il più eccentrico pittore ungherese (1853 - 1919), originariamente un farmacista che iniziò la sua carriera artistica come un'autodidatta ed oggi è il più considerabile pittore dello stile post-impressionismo ed espressionismo.
Ingresso: 700 Huf - cca. 3 Euro





Il Cedro solitario



Il pittore V. Vasarely Museo di Victor Vasarely
Pécs, Via Káptalan 3.
Sito: Vasarely Múzeum
Il pittore (1908 - 1997) nacque a Pécs sotto il nome  ' Vásárhelyi Győző ' , nel 1930 si trasferì a Parigi dove morì qualche anno fa. Lui è il fondatore del movimento artistico dell'Optical Art, nato intorno agli anni '60. Nella sua casa di nascità fu aperta la esposizione permanente delle sue opere.
Ingresso: 700 Huf - cca. 3 Euro








 PECS MEDITERRANEA - ESCURSIONE INDIVIDUALE

L'escursione può essere fatta andando con un'autoveicolo vostro oppure noleggiato. Posso procurarvi personalmente i biglietti di tutti gli ingressi dei musei e monumenti visitati. Per la vostra richiesta posso organizzare e prenotare posti e/o menu in un ristorante carino del centrocittà, organizzare visita guidata nella Manifattura di Porcellana Zsolnay. Prenotando questo tipo di visita - E-MAIL - mi dovete elencare tutti i servizi extra che desiderate oltre il SERVIZIO GUIDA , ed a secondo del numero delle persone Vi manderò la mia offerta.


    Prenota la tua escursione   QUI   indicandomi:
  - nome e cognome
  - la data richiesta per la escursione
  - numero dei partecipanti
  - numero di cellulare che portate in Ungheria
  - indirizzo e-mail per spedire il voucher
  - servizio extra

Nora Juhasz mailto

Contattateci via Skype:
Orari di servizio:
lunedì - venerdì
9,00 - 12,30

Skype Me™!







Continuate a scoprire Ungheria!

Escursione a 2 graziose cittadine nei d'intorni di Budapest.

Godollo: il Castello di Sisi, Santandrea: la città degli artisti

Partenze ogni domenica in piccoli gruppi

Fai clicc sulla foto per i dettagli!



Su


Santandrea artistica        Godollo reale        Ansa del Danubio        Eger vinifera        Ungheria religiosa       Mare ungherese - Balaton        Puzta rustica        

home